Cari Condottieri Coraggiosi,

nel percorso di realizzazione delle nostre idee meravigliose, può capitare (spesso) di rallentare, di sentirsi fuori strada, di svegliarsi all’improvviso in un altro posto e non nell’incantato paradiso in cui tutto ciò che abbiamo in testa splende e brilla trovando le migliori e più agili soluzioni per arrivare in fondo.

Ho elencato alcune possibili situazioni in cui potrà capitare di trovarsi mentre si realizzano i propri progetti, fasi che possono portare a riflessioni differenti, a riprogettare passi del percorso.

  • Piace solo a me

La mia idea, non incontra l’entusiasmo di chi i sta intorno, dei miei interlocutori o, anche solo, delle persone a me vicine. 

  • Resistenze

Nel percorso di ricerca della miglior strada per mettere in atto le fasi del progetto, incappo in resistenze, di cose e persone, ovvero di elementi che ne impediscono la realizzazione.

  • Le motivazioni

Fatico a spingere perché mi accorgo che ho calibrato male le motivazioni, ovvero, non ho compreso bene come il progetto potrebbe innescare in altre persone la spinta per portarlo a termine.

  • I bisogni

Preso dall’idea e dall’emozione di farla come l’ho concepita, trascuro i bisogni del target da coinvolgere, del contesto di applicazione.

Succede, molto più di quanto possiamo pensare, per questo ci tengo a rimarcare due modi di agire che tengo fortemente presente nel tentativo di superare ogni battuta d’arresto:

  • Il primo è di rafforzare la consapevolezza di poter agire solo su cose che dipendono da me, quindi all’interno della mia area di influenza; in questo modo posso circoscrivere fortemente il mio agire eliminando dal mio modo di pensare il dare “la colpa” agli altri o attribuendo a fattori esterni il non funzionamento delle mie azioni.
  • Il secondo è di ricercare all’interno del mio primo principio ispiratore una nuova soluzione; come e dove posso migliorare. Una battuta d’arresto è una retro-informazione in grado di darmi suggerimenti per una nuova e più efficace progettazione.

Quindi, relativamente alla possibilità di migliorarsi, se avessimo la possibilità di tornare indietro… come attueremmo il nuovo processo pratico? Nel podcast di oggi approfondisco questa risposata, raccontando la mia esperienza su processare le informazioni per ripraticare le proprie azioni…

Sul miglioramento ne parlo diffusamente agli incontri de “Il Sole Dentro dei Condottieri Coraggiosi“, trovi al link tutte le informazioni per partecipare al prossimo in calendario.

Potrebbero interessarti anche

Ancora nessun commento, fatti sentire!


Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *