Nella splendida cornice di un agriturismo toscano vicino a Pistoia mentre trascorro qualche giornata di relax in compagnia di Elisa, mi imbatto, inevitabilmente come la maggior parte di noi, nelle storie di altre persone.
 
Tutte quelle che volenti o nolenti siamo nelle condizioni di poter intercettare. 
 
Per questa estate abbiamo scelto una meta riservata, relazioni intime e centellinate.
Tanta convivialità e un po’ di spazio per approfondirsi per entrare un po’ di più nella conoscenza degli altri.
 
In questo modo le storie delle persone sono un po’ più profonde e colorate, trasferite con emozioni e sentimenti più aderenti alla realtà e alla reale voglia di raccontare e ascoltare.
 
Mi accorgo che, ogni racconto, arrivo ad interpretarlo, pensarlo e costruirlo con il mio personale vissuto. 
Mi piace quindi mettermi in ascolto e cercare i messaggi per me, quelli che meglio si sovrappongono a questo mio momento storico personale e che possono lasciarmi certezze o sicuri accantonamenti.
 
Ho saputo interpretare i racconti di chi ha attraversato epoche cambiando lavori e facendo nuove esperienze sempre alla ricerca di un lavoro che gli consentisse di soddisfare i propri desideri e sfizi; ho raccolto le emozioni di chi ha deciso di cambiare vita passando dal settore Tessile alla gestione di un agriturismo rinunciando a ruoli di primo piano con benefit e agi; ho ascoltato anziani che trasferivano il loro punti di vista sul lavoro e sullo stile di vita.
 
Mi sono chiesto se l’attenzione e l’interpretazione di quanto vissuto sarebbe stata la medesima senza il grosso investimento in formazione e crescita personale. Nei racconti estivi ho ritrovato molti messaggi riportati da trainer, libri e formatori. La risposta che mi sono dato che sia i racconti che le nozioni si integrano nel creare la mia nuova consapevolezza manageriale.
 
Nella puntata del podcast qui sotto il racconto, i colori ed i dettagli di tutte le storie… 
 
Messaggio per i Giovani: Cercate Storie di persone.
 

Potrebbero interessarti anche

Ancora nessun commento, fatti sentire!


Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *