Domenica siamo tornati a gareggiare,
Si sono svolti i campionati regionali master… esattamente un anno dopo l’ultima gara.Negli ultimi quattro anni, ho scelto di affiancare alla mia vita quotidiana, quella di una nuova dimensione agonistica, sono tornato a nuotare e quindi a gareggiare, allenamenti e gare con continuità fino allo stop forzato dello scorso anno.Domenica abbiamo ripreso e…

  • Non avevo gli occhialini giusti.
  • Mi ha sorpreso l’emozione della gara che non ero più abituato a vivere.
  • Alcuni gesti tecnici tipici della gara mancavano, (tuffi, virate veloci…)
  • Tutto il processo di preparazione pre-gara, quella solita e confortante ritualità, è venuta meno perchè era forzatamente differente.
  • L’ambientazione insolita, tanto silenzio e poche persone in piscina, pochi compagni a tifare e a condividere la giornata…

Il risultato, quindi, non è stato dei migliori, nel senso che non mi ha soddisfatto e questo è avvenuto nonostante una buona preparazione. Negli ultimi mesi, infatti, mi sono allenato con continuità e cura.

Ci ho messo qualche ora a prendere consapevolezza di tute le cose che ho scritto sopra e mi è servito per appoggiare le medesime riflessioni sulla realtà di tutti i giorni, sui progetti che guido e conduco.

Il cambiamento, profondo, è continuamente in atto, tutto ciò che ricomincerà sarà un nuovo inizio e ci richiederà grande energia ed attenzione, anche nelle cose che svolgiamo da sempre e che pensiamo si possano ripetere nella medesima maniera.

Penso quindi al mio mondo, quello dell’educazione, dello sport, delle attività tra persone, cosa serve ora? Quali sono i nuovi bisogni a cui trovare risposte di servizio? Quali le cose su cui rimettere attenzione? Siamo pronti a progettare da capo l’intervento e le attività che pensavamo sarebbero durate in eterno? Quali le risposte Innovative da trovare al cambiare dello scenario e dei bisogni?

Molte risposte le avremo nella nuova pratica, nella dimensione di applicazione dei nostri progetti e delle nostre idee meravigliose: raccoglieremo reali feedback.

Altro arriverà dall’osservazione e dall’analisi, dall’ascolto delle persone .

Penso sarà necessario crearsi situazioni in cui fare dei test su piccola scala dei nostri progetti e delle nostre attività, per capire… sia il nostro stato di forma, come nel caso sportivo, che i nuovi bisogni del contesto. Un micro avanzamento ci consentirà una rapida riprogettazione sia per correggere gli errori che per potenziare i successi.

Consideriamo anche la pratica emotiva: le emozioni necessitano di allenamento, di pratica… trovarsi realmente in un contesto (come ad esempio la gara) è diverso dal pensare di esserci, anche se ci ricordiamo come si fa perché lo abbiamo fatto per tutta la vita.

È passato realmente tempo ed il mondo è cambiato.
I particolari del disagio vissuto in gara e le riflessioni di riprogettazione per le idee da realizzare li trovare nel podcast di oggi:

Potrebbero interessarti anche

Ancora nessun commento, fatti sentire!


Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *